Legacy Forum 

Legacy Forum
Home Discussioni Recenti Sondaggi Cerca F A Q
Nome Utente:
Password:
Ricordami
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Creature
 Miti e Leggende
 Ferragosto: sacro e profano.
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Atom
Utente Normale




60 Messaggi

Inserito il - 15 ago 2011 : 11:40:49 Condividi su Facebook  Mostra Profilo Invia a Atom un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Carissimi tutti, vecchi e nuovi...mi sono trovato a chiedermi, in occasione di questa festività, quale sia l'origine del mio giorno di ferie e ho trovato due articoli simpatici ed esplicativi.
Li posto di seguito, sperando che vi piacciano, e auguro a tutti buon ferragosto.


1)
Il termine Ferragosto deriva dal latino FERIAE AUGUSTI, giorni feriali introdotti dall' imperatore Augusto, feste che ricorrevano nel mese dii agosto quando erano sospese tutte le attività e vi era il costume di darsi allegria e farsi regali.

Ferragosto all' origine, non era una festa limitata al giorno 15 agosto ma durava tutto il mese di agosto, a partire da quanto il primo imperatore romano istituì le FERIAE AUGUSTI, cioè feste in onore di Augusto.

Questa festa è collegata alle vacanze che si celebravano a Roma alle calende (il primo) di agosto in onore del Dio Conso, protettore dell' agricoltura. Il dio Conso (dal latino, “condere”, indica l’azione del “nascondere” e/o del “concludere”) oltre al 21 Agosto (data in cui presiedeva all’azione del mettere al sicuro il raccolto) era festeggiato il 15 Dicembre.
In epoca imperiale furono denominate augustalis in omaggio ad Ottaviano Augusto.

Le celebrazioni religiose piu' importanti che si svolgevano in questo mese erano quelle del 13 agosto dedicate alla dea Diana, legata alla vita dei boschi, alle fasi lunari ed alla maternità, feste a cui potevano partecipare tutti, padroni e servi, senza distinzione di ceto sociale. In tale occasione, i lavoratori porgevano gli auguri ai loro padroni, ricevendo in cambio delle mance. L' usanza fu poi mantenuta e nel Rinascimento fu resa obbligatoria da decreti pontifici.

La festa di mezz’agosto, come altre che si presentano nello stesso periodo, rappresenta il momento in cui l’estate si avvia al suo declino e, anche qui, è il fuoco a raffigurare uno dei momenti principali della purificazione. Ed ecco perchè alla vigilia di Ferragosto si accendono grandi falò che hanno lo scopo di scacciare le forze del male e di ritardare l’arrivo della nuova stagione. Altrettanto importante, in questo cerimoniale, è l’acqua, e per questo si ha la consuetudine di organizzare i falò in spiaggia ed accorrere in massa al bagno di mezzanotte, dal valore purificatore e propiziatorio.

Nello stesso periodo si svolgevano feste in onore di altre divinità legate sempre alla prosperità e fertilità della natura e della donna

Oggi, il 15 agosto, oltre a festeggiare il giorno di vacanza per eccellenza all' interno del periodo di ferie, si celebra la festa dell' Assunzione della Vergine Maria, la festa della Madonna di mezzo agosto, secondo un preciso rituale di comportamenti e convinzioni, che trovano riscontro nell’ antico proverbio: trascorso il mese di agosto, è l’inizio dell’inverno.

La famosa festa di Ferragosto dell' Assunta al Cielo, è stata stabilita per il 15 agosto dal PAPA Nicolò I (SANTO), eletto nell' 858 e morto nell' 867.

Le feste di ferragosto furono fatte coincidere, dal cristianesimo, con quella dell' Assunta, unendo riti sacri e profani nelle manifestazioni popolari La celebrazione dell' Assunta ha origine dal titolo DORMITIO (sonno) attribuito al passaggio, dalla vita terrena a quella eterna, di Maria Vergine, per volere divino, impossibilitata ad essere soggetta alla morte, perchè libera dal peccato originale. Questa verità è stata proclamata dogma di fede, da Pio XII (Eugenio Pacelli: 1876/1958), il primo novembre del 1950.

Quello di Ferragosto oggi è per molti il periodo tradizionale delle vacanze estive anche se oggi la festa di Ferragosto comprende solo il giorno 15 agosto.

Le fiere e i mercati costituiscono, come in passato, un evento atteso e sentito dalla popolazione, anche se un tempo rappresentavano una fra le poche occasioni di aggregazione e di incontro tra la gente del paese ed un momento di svago dalla dura vita dei campi. Oggi le fiere di Ferragosto hanno assunto un significato più commerciale e si aggiungono a tutte le altre

A cura di p. Lucio http://www.sstrinita-villachigi.com/public/news/ferragosto.doc




2)
Agosto segna la fine dei principali lavori agricoli, con la raccolta dei cereali. Al termine delle fatiche nei campi, gli antichi romani si godono una giornata di riposo insieme agli animali che li hanno aiutati durante l’anno, non di rado inghirlandati e bardati con fiori.

Così, nello stesso periodo dell’anno, a Roma si celebrano i Consualia, una festa dedicata alla divinità protettrice dell’agricoltura Conso.

Poi, dal 18 a.C., con l’inizio dell’età imperiale, i Consulia, si trasformano negli Augustali, in onore dell’ Imperatore Augusto, il quale dà il nome anche al mese stesso.

“Ferragosto”, nell’antica Roma, è, dunque, Feriae Augusti, il “riposto di Agosto”.

Il giorno di Ferragosto, i padroni dei poderi danno anche una mancia agli uomini che lavorano le loro terre. Un’usanza che, durante il Rinascimento, diviene obbligatoria in seguito ad un apposito decreto pontificio e nella quale alcuni ravvisano una forma primordiale di tredicesima.

Il Ferragosto cristiano, nel quale si celebra l’Assunzione della Beata Vergine Maria in cielo, è importato in occidente dalla chiesa orientale Bizantina, probabilmente nel VI-VII secolo. Le sue origini sono avvolte da un mantello di mistero che si ricollega ai vangeli apocrifi e non ai canonici, nei quali è narrato che Gesù stesso, appare a sua Madre annunciandole, con tre giorni di anticipo, la sua morte.

Alcuni ricollegano la festa mariana anche ai culti della dea egizia Iside o della Grande Madre mediterranea.

A rendere ancora più intrigante la situazione, non possiamo trascurare che, a livello di zodiaco, il cielo è dominato dai segni del Leone e della Vergine, indiscutibili emblemi l’uno di Cristo e l’altro di Maria.

Una seconda notazione di tipo astronomico, è che proprio, nello stesso periodo, la “stella del Mattino”, Sirio, simbolo di Iside e della Madonna, è, per la prima volta, visibile prima dell’albeggiare. Da qui i grandi festeggiamenti, anche nell’antico Egitto, in onore di Iside.

Malgrado possiamo essere portati, da tutto ciò, a credere che Ferragosto abbia una valenze esclusivamente femminile, invero non è corretto, perché, sin dall’antichità vi sono associate anche molti aspetti di virilità, iniziando dal sole e la sua luce.

Ne consegue che, in molte località, per celebrare il Ferragosto, vengono accesi i falò, simbolo, tra l’altro, di purificazione e rigenerazione, emblema del trionfo del sole nel corso del suo lungo ciclo annuale.

E la rigenerazione, il fuoco, la natura, rimandano, immediatamente, alla luce della vita eterna, all’assunzione in cielo, alla donna che schiaccia con il calcagno la testa del serpente, sconfiggendo il male e la morte per entrare definitivamente nel tempo extra-ordinario, dell’armonia, della pace, della contemplazione di Dio, nell’eternità.

Pur se svolta in tono solenne però, la festa non perde il suo carattere fortemente popolare tanto che conserva l’uso delle scampagnate e delle gite fuori porta (o delle code in Autostrada) favorite, naturalmente, dalle condizioni ottimali del tempo estivo

A cura di WELLTHINESS BLOG
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Legacy Forum © 2012 Legacy Forum | Forgedy by IlDrago.com Torna all'inizio della Pagina
Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000