Legacy Forum 

Legacy Forum
Home Discussioni Recenti Sondaggi Cerca F A Q
Nome Utente:
Password:
Ricordami
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Nuovi Utenti
 Presentazioni
 Il mio arrivo tra voi
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Shia Itnashari
Utente Normale



79 Messaggi

Inserito il - 09 dic 2010 : 01:25:07 Condividi su Facebook  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Shia Itnashari Invia a Shia Itnashari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Col Nome di Allah il Misericordioso

Eccomi giunto a voi , su gentile invito di Meet88 , farò una presentazione esaudiente , mi scuso dell'eventuale lunghezza ma sono doverose alcune presentazioni che non devono essere viste come propaganda.
L’uomo, durante l’arco della propria vita, si trova a dover compiere delle scelte che lo influenzeranno per un certo tempo o sino alla fine dei suoi giorni. Secondo la durata di queste sue convinzioni, egli è soggetto a vari cambiamenti, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psichico e del pensiero. Con il passare degli anni spesso egli concepisce nuove idee e nuovi propositi, a motivo dello scorrere degli avvenimenti e a nuove esperienze che contraddicono le sue idee precedenti.
Noi musulmani europei entrati nell’Islam, abbiamo fatto una scelta meditata accettando la Guida di Dio nella nostra vita e conformandoci ai precetti della Sunna del Profeta (s) e dei Santi Imam (as).
E’ stata la scelta che ha determinato, sia dagli albori dell’Islam, il procedere di milioni di credenti che in ogni angolo del mondo hanno sentito l’imperativo categorico di sottomettersi a Dio, imperativo che ha comportato un mutamento sostanziale del loro modo di pensare, dei loro costumi e abitudini quotidiane.
L’Islam esprime in maniera netta e precisa che Dio è, per il musulmano, l’Unica Vera Realtà. Il Nobile Profeta Muhammad (pace su di Lui e sulla Sua Famiglia) e i puri Imam della sua discendenza (as), ci hanno insegnato, con i loro scritti ed il loro comportamento, il corretto modo di procedere del credente di fronte alle diverse situazioni in cui viene a trovarsi nei riguardi del ‘potere costituito’ che, tranne rarissime eccezioni, è, per il sincero credente, dispotico e nemico. Con l’aggettivo ‘sincero’ s’intende il musulmano che desidera restare fedele ai suoi principi e non lasciarsi ‘addomesticare’ dal domatore di turno, sia esso rappresentato dalla cosiddetta civilizzazione occidentale o dalle istituzioni pseudo islamiche legate e sottoposte a tale civilizzazione.
La storia dell’Islam e dello Shiismo in particolare, è ricca di episodi in cui i singoli credenti, sulle orme dei dodici puri Imam (as), hanno lottato, anche con la propria vita, per la giustizia e per i bisogni degli oppressi. Il primo avvenimento, accaduto nel 1979,(Rivoluzione islamica in Iran) è stato motivo trainante per tante persone, soprattutto in Occidente, per avvicinarsi per la prima volta all’Islam e compiere poi la loro scelta di vita.
L’Islam è portatore di una filosofia e di una psicologia, di un diritto e di una sociologia, di una politica e di una morale. Da un lato il Corano parla dell’adorazione e della glorificazione di Dio, e descrive il volto luminoso di coloro che vegliano la notte per pregare: "Strappano i loro corpi dai letti per invocare il loro Signore, con timore e speranza, e sono generosi di quello che abbiamo loro concesso". (32, 16)
Il Nobile Profeta Muhammad (s), durante i suoi 23 anni in cui insegnò agli uomini la dottrina coranica, fu sempre conforme e coerente con l’iniziale messaggio. Il Corano e il Nobile Profeta (s) offrivano una dottrina ed un piano preciso che abbracciavano i più svariati ambiti e che realizzarono il proprio obiettivo.
Tale carattere di immutabilità dimostra che l’Islam non è il frutto del pensiero mutevole dell’uomo. Il Messaggio ha conservato intatta tutta la sua validità ancor oggi e certamente lo conserverà sino alla venuta dell’Imam del Tempo, che Dio affretti la Sua Manifestazione.
Il credente deve quotidianamente prendere coscienza che Dio gli ha affidato anche il compito di essere un Suo fedele testimone, soprattutto con un buon comportamento. Questo, attualmente, è anche un modo per compiere il proprio Jihad: coerenza tra l’insegnamento ricevuto ed il comportamento, ossia una fede operante attraverso le opere.
Egli deve guardare Dio seguendo gli insegnamenti coranici del Profeta (s) e degli Imam (as), poiché qualunque altro punto di riferimento potrebbe un giorno rivelarsi fallace. Afferma il Corano a proposito: "Chi crederà in Dio avrà afferrata l’ansa saldissima, non suscettibile di rottura" (2, 256) "In verità, non amo ciò che svanisce!" (6, 76)
Se si entra in tale ottica si comprende il percorso che ci sta davanti. Esso ci appare ben visibile: sappiamo da dove veniamo – il momento in cui abbiamo scelto l’Islam – e anche, grazie a Dio, dove andiamo.
La scelta islamica ci ha aperto un orizzonte diverso da colo che, secondo il Corano "hanno barattato la Retta Via con la perdizione". Noi crediamo fermamente negli immutabili principi dell’Islam, sappiamo che fino all’avvento dell’Imam Mahdi, che Dio affretti la Sua Manifestazione, l’iniquità, l’ingiustizia, l’oppressione, le guerre e tutto ciò che allontana l’uomo dal Suo Creatore aumenteranno. Solo il Mahdi (ag) colmerà la terra di giustizia.
Pertanto, noi musulmani seguaci dell’Ahl-ul-Bayt dobbiamo rimanere saldamente legati, come dice il Corano, alla corda di Dio essendo ben coscienti della situazione.
Il musulmano praticante, con la sua scelta totale di vita, costume, cultura, comportamento, ecc. si pone su di un piano diverso rispetto agli altri: l’Islam è alternativa a questa civiltà in cui l’uomo non è sottoposto a Dio, ma a tutto ciò che è contro Dio, e alla fine, contro se stesso.
Tuttavia, quando affermiamo che l’Islam è l’alternativa a questa civiltà, non intendiamo che il musulmano debba estraniarsi dalla società in cui vive. Anzi, proprio per aver fatto la sua scelta per Dio, egli deve essere presente nella società in tutti gli ambiti consentiti dalla sua fede, portandovi il ‘buon odore dell’Islam’.
Il Corano ci mostra chiaramente che il Santo Profeta (s) aveva buoni rapporti con uomini e gruppi non ostili all’Islam. Esemplare è l’incontro con i cristiani di Najran. Anche la vita dei Puri Imam (as) è testimone di molti loro colloqui con sapienti di altre religioni.
La casa dell’Imam Jafar (as), ordinatore della teologia shiita, rinomato per la sua grande conoscenza, fu meta di dotti sapienti che desideravano discutere con lui. E’ nella più autentica tradizione dell’Ahl-ul-Bayt ricercare il contatto umano con tutti coloro che lo desiderino, siano essi religiosi o di qualunque altra estrazione ideologica.
Le ragioni fondanti della nostra fede vengono da Dio, per cui l’incontro con l’‘altro da sé’ sarà, inschAllah, sicuramente fruttuoso per noi e ancor più, a Dio piacendo, per coloro che ci ascoltano con sincerità di cuore.
Sin dalla sua origine l’Islam ha esortato gli uomini alla comprensione reciproca, tanto ideologica "…addivenite a una dichiarazione comune tra noi e voi…", quanto etnica "Vi abbiamo create razze e colori differenti perché vi conosciate a vicenda", e noi musulmani shi°iti da sempre ci siamo mossi in tal senso, avendo praticamente acquisito nel nostro patrimonio genetico tale prerogativa.
Noi musulmani invece abbiamo chiaro il dovere di ascoltare la voce dei diseredati e degli oppressi, di essere dalla loro parte, in quanto seguaci del ‘Signore degli oppressi’, e fornirgli la nostra operante solidarietà.
L’Islam c’insegna che i rapporti tra gli uomini debbono basarsi sulla onesta ricerca della verità e non sul suo occultamento, sulla libertà e non sull’oppressione, su obiettivi precisi e non vaghi, e soprattutto sulla Via di Dio e non su quella dei nostri desideri.
Questo era dovuto , quanto a me sono un mistico musulmano di scuola Shi°ita , mi occupo anche di Sufismo , Esoterismo e Alchimia , studio anche Demonologia sia islamica che cristiana e semitica e Tradizioni Orientali.
Avremo cose di cui parlare.
Pace su di voi.


Hel
Nuovo Utente




44 Messaggi

Inserito il - 09 dic 2010 : 10:29:17  Mostra Profilo Invia a Hel un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Benvenuto tra noi Shia Itnashari... lodevole presentazione

"Non a noi, Signore, non a noi, ma al tuo nome da' gloria"



Torna all'inizio della Pagina

Verna
Moderatore




195 Messaggi

Inserito il - 10 dic 2010 : 01:09:34  Mostra Profilo Invia a Verna un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Shia Itnashari, ti ringrazio per esserti presentato in maniera così esplicativa. Sono sicura che avremo molte cose di cui parlare...specie se viaggeremo su linee d'onde che vanno oltre l'umana conoscenza...A presto, spero. Verna.

Forse perchè...
Torna all'inizio della Pagina

Shia Itnashari
Utente Normale



79 Messaggi

Inserito il - 10 dic 2010 : 01:13:38  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Shia Itnashari Invia a Shia Itnashari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Col Nome di Allah il Giusto


Si avremo molto di cui parlare , questo è un luogo tranquillo senza alterigia e pregiudizi.
Sono compiaciuto.
Torna all'inizio della Pagina

Burg
Utente Normale



Regione: Lazio


72 Messaggi

Inserito il - 10 dic 2010 : 07:30:32  Mostra Profilo Invia a Burg un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Benvenuto tra noi.

Burg

...Uffa!
Torna all'inizio della Pagina

Fredror
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


62 Messaggi

Inserito il - 10 dic 2010 : 07:45:30  Mostra Profilo Invia a Fredror un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Shia Itnashari ha scritto:

Col Nome di Allah il Giusto


Si avremo molto di cui parlare , questo è un luogo tranquillo senza alterigia e pregiudizi.
Sono compiaciuto.


Benvenuto e Buon Confronto.

L'Occhio Della Legacy vi Osserva

Torna all'inizio della Pagina

Azrael
Utente Normale




90 Messaggi

Inserito il - 14 dic 2010 : 20:03:53  Mostra Profilo Invia a Azrael un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un saluto e ben arrivato.
Ciao

Stessa sorte, stessa morte... Stessa razza, stessa mazza... Stessa lotta, stessa botta...
Torna all'inizio della Pagina

Shia Itnashari
Utente Normale



79 Messaggi

Inserito il - 20 dic 2010 : 19:17:49  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Shia Itnashari Invia a Shia Itnashari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Col Nome di Allah il Giusto

Ringrazio tutti dell'attenzione , avremo modo di disqusire.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Legacy Forum © 2012 Legacy Forum | Forgedy by IlDrago.com Torna all'inizio della Pagina
Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000