Legacy Forum 

Legacy Forum
Home Discussioni Recenti Sondaggi Cerca F A Q
Nome Utente:
Password:
Ricordami
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Culti e sette
 I Grandi Dannati
 La vera storia di Abdul Alhazred
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore  Discussione Discussione Successiva  

Shia Itnashari
Utente Normale



79 Messaggi

Inserito il - 23 gen 2012 : 01:50:03 Condividi su Facebook  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Shia Itnashari Invia a Shia Itnashari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Tutti i cultori del mistero , conoscono la storia del libro Necronomicon , il Libro dei Morti , spacciato come una opera di fantasia di Lovercraft in realtà pochi sanno che tali conoscenze sono state riprese dagli studi iniziatici del padre e anche la storia sul creatore di tale libro Abdul Alhazred è stata romanzata oltremodo per celare la verità su questo uomo.
Abdul Alhazred, fu un poeta e un esoterista, nasce a Sanaa, in Yemen al tempo dei califfi omayyadi, all'incirca nell'VIII D.C. , egli non è musulmano ma segue una Tradizione magica legata ai Jinn Yog e Cthulhu e altri citati nel libro egiziano dei morti , come Aiwass il Jinn che si rivelo' a Cronwley al Cairo nel 1904 durante un rito difficile e lungo.
A metà della sua vita Abdul parte in una missione dettatagli dai Jinn , ed esplora le rovine di Babilonia e i cunicoli di Menfi , per dieci anni vive isolato nel deserto di Rub' al-Khali circondato e tormentato dai demoni e li impazzisce. Durante queste peregrinazioni Alhazred afferma d'aver visitato dal vivo e nelle sue visioni l'Iram dhat al-Imhd, ovvero la città dalle Mille Colonne.
In tarda età vive e si stabilisce a Damasco, dove compone l'al-Azif più tardi noto come il "Necronomicon".
Per aver sfidato Dio , e per aver praticato stregoneria e l'invocazione del Jiin nero e del Jiin bianco egli muore in pieno giorno nel 738 D.C. circa fatto a pezzzi da una creatura invisibile , ma ci tornerò sopra.. , da documenti studiati da me a Damasco , documenti scritti da Shams al- l-Abbas Ahmad Ibn Muhammad Ibn Khallikn celebre giurista, teologo di scuola shafi'ita e grammatico , riconosciuto e stimato sia dalle scuole sunnite e sciite , fu Giudice in Egitto e Giudice capo a Damasco per conto del Califfato Ommayade nel 1278.
Ebbe modo di scrivere il suo famoso saggio: Il Wafayt al-an wa-anbabn al-zamn, possiamo tradurre con "dipartita di uomini famosi".
Secondo alcuni testi antichi dell'VIII secolo egli riprese la biografia di Alhazred e secondo il suo racconto biografico su Abdul Alhazred morto in condizioni misteriore a Damasco dice testualmente:
"venne afferrato in pieno giorno da un mostro invisibile e divorato orribilmente davanti ad un gran numero di persone pietrificate dal terrore." Colin Wilson sostiene che Lovecraft mentiva quando affermava che il Necronomicon non esiste, per coprire le responsabilità del padre, affiliato alla massoneria egiziana fondata da Cagliostro e possessore di una copia del Necronomicon in inglese.

Modificato da - Shia Itnashari in Data 23 gen 2012 01:58:04

Verna
Moderatore




195 Messaggi

Inserito il - 05 feb 2012 : 09:19:01  Mostra Profilo Invia a Verna un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Questo è molto interessante ed è una conferma ulteriore alle nostre informazioni. Purtroppo per noi a volte è difficile stabilire se c'è più danno nel dare la conoscenza o se ce n'è maggiormente nel tacerla. Aspettiamo altre notizie sulla creatura invisibile se, come dici, ti va di tornarci sù....
A presto. V.

Forse perchè...
Torna all'inizio della Pagina

Shia Itnashari
Utente Normale



79 Messaggi

Inserito il - 03 apr 2012 : 10:05:03  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Shia Itnashari Invia a Shia Itnashari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Tornando alla morte di Abdul Alhazred, si può dire questo di certo fu punito per aver rivelato formule e segreti che tali dovevano rimanere ai profani ,la sua come detto fu una morte misteriosa con numerosi descrizioni, tra cui la sua distruzione avvenuta per mezzo di forze invisibili all'occhio umano davanti a numerosi testimoni.

Abdul Alhazred praticava una vita da pellegrino narrando storie incredibili, nel libro di trovavano formule e rituali di magia nera che non dovevano assolutamente essere letti ad alta voce, in quanto la loro lettura avrebbe portato a morte certa lo sventurato, narrava di avventure terribili e meravigliose avvenute durante i suoi pellegrinaggi in zone come la Babilonia o il deserto del sud dell'Arabia, conociuta come la dimora degli spiriti maligni, Nel 950 "Al Azif" fu distribuito ed il titolofu modificato con "Necronomicon" il cui significato si traduce in "il libro delle leggi che governano i morti."Un certo Olaus Wormius ne fece la traduzione in inglese e si narra che fu arso vivo.
L'opera in originaria lingua araba, fu tradotta in latino ed in greco.Tra il 1560 ed il 1570 la versione greca fu stampata in Italia.Una copia in latino è conservata presso il British Museum e un altra si trova nella Bibliothèque Nationale a Parigi, altre copie sono conservate in altri musei e presso privati, un altra copia dovrebbe essere conservata presso la biblioteca del Vaticano.
Da un estratto del Libro:

Ascolta ciò che ti dice Abdul Alhazred:
gli Antichi Dèi han posto i Maledetti
in sonno. E chi manipola i sigilli
e i dormienti ridesta, è maledetto anch'egli.
E dico ancora: qui chiuse son le càbale
in cui s'asconde il torbido potere
d'infrangere i sigilli millenari
che serrarono Cthulhu e la sua orda.
Ho perso tutta la vita per delucidarle.
La notte s'apre sull'orlo dell'abisso.
Le porte dell'inferno sono chiuse:
a tuo rischio le tenti. Al tuo richiamo
si desterà qualcosa per risponderti.
Questo regalo lascio all'umanità:
ecco le chiavi.
Cerca le serrature: sii soddisfatto.
Ma ascolta ciò che dice Abdul Alhazred:
per primo io le ho trovate: e sono matto.

Abdul Alhazre

A sostegno delle veridicità del libro nero cito questo episodio accaduto accaduto nel 1987, una spedizione del Centro Scavi di Torino per il Medio Oriente e l'Asia iniziò degli scavi presso Kut-al-Amara, nell'Iraq sud orientale e nel 1990 gli scavi in questa città, completamente distrutta, portarono alla luce un tempio perfettamente conservato di grande interesse archeologico con al suo interno numerose tavolette di argilla con scritte in lingua sumera, furono denominate"Tavolette di Kutu".
Le "Tavolette di Kutu" furono traotte dal professore Venustiano Carranza docente di paleografia semitica all'Università di Città del Messico e fu portata alla luce un'ipotesi, che collega i Miti di Chtulhu alla religione e mitologia sumero-babilonese. In queste tavolette vi è riferimento a delle divinità adorate con il nome di :Azatoth, Yogsothoth, Hastur, Nyarlathotep, Shub-Niggurath, i "Grandi antichi".
Il contenuto delle tavolette si era diffuso ben prima dell'VIII secolo, in cui Lovercraft avrebbe datato il suo libro Necronomicon.

Torna all'inizio della Pagina
   Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Legacy Forum © 2012 Legacy Forum | Forgedy by IlDrago.com Torna all'inizio della Pagina
Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000