Legacy Forum 

Legacy Forum
Home Discussioni Recenti Sondaggi Cerca F A Q
Nome Utente:
Password:
Ricordami
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Realtà Parallele
 Varchi Dimensionali
 Interessante teoria sui Deja-Vu
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

EGO
Nuovo Utente


Città: Roma


21 Messaggi

Inserito il - 25 lug 2009 : 23:41:59 Condividi su Facebook  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di EGO  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di EGO Invia a EGO un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sempre rimanendo in tema di "altre dimensioni" vorrei discutere con voi a proposito di un piccolo spunto che ho avuto vedendo la serie televisiva Fringe.
Putroppo per poter introdurre l'argomento dovrò fare un pò di "spoiler" (quando racconti cose di un film/serie che si sapranno a film/serie avanzata e che quindi qualcuno potrebbe non aver visto) e spero che chi vorrà in futuro vedere la serie non me ne voglia.
Tra l'altro la regia della serie è affidata a J.J. Abrams (Lost, Alias, Cloverfield, Star Trek, ecc...) un regista-produttore-sceneggiatore che tratta sempre argomenti come quelli che piacciono a noi.

Comunque sia!Dopo questa parentesi un pò lunghetta vorrei esporre la teoria sui Deja-Vu ipotizzatata in Fringe.

Come sappiamo esistono dimensioni parallele e dimensioni complentamente diverse dalle nostre.Molti teorici che hanno trattato l'argomento sostengono che nelle dimensioni parallele esistono diversi "noi" che vivono in mondi identici al nostro, ma che hanno professioni diverse, amicizie diverse, hobbies diversi.
Questa diversità di "vite" nasce unicamente dalle scelte effettute nel corso dell'esistenza e queste scelte hanno come risultato percorsi diversi.

Il deja-vu non è altro che uno (prendo le parole del film) "sguardo dall'altra parte"!
Un assaggio della direzione che non abbiamo scelto!

Questo succede perchè le strade, anche se diverse, si incrociano.

Un esempio pratico:

EGO1: studia ragioneria, trova lavoro come ragioniere nel comune di Roma ed un giorno x della sua vita percorre il corridoio 125 della sezione catasto tenendo in mano un mucchio di fogli.

EGO2: studia ragioneria, trova lavoro come cameriere, decide di comprare una casa ed un giorno x della sua vita si ritrova a percorrere il corridoio 125 della sezione catasto tenendo in mano un mucchio di fogli..............ed ha un deja-vu

Che ne dite?
Magari è completamente inventata, ma mi sembra interessante.

______________________

"Mai fare finta di dimenticare quello che sai"-Sandro Ego.

Burg
Utente Normale



Regione: Lazio


72 Messaggi

Inserito il - 21 ago 2009 : 02:27:09  Mostra Profilo Invia a Burg un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mmm ...mmmh!

Dunque, la teorìa a "parer mio" non è del tutto errata ma neanche molto distante dalla verità.
Diciamo che trattandosi di multiversi che si inseguono e si distanziano per velocità spaziotemporali diferenti,
può benissimo accadere che, "chi particolarmente percettivo",
possa intravedere parte delle scelte fatte dal "proprio parallelo", nel momento della sovrapposizione "dell'una nell'altra"
...inverso o avverso ...sicuramente differente ovvio.

Burg

...Uffa!
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Legacy Forum © 2012 Legacy Forum | Forgedy by IlDrago.com Torna all'inizio della Pagina
Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000